FUNZIONI STRUMENTALI AL PIANO DELL’OFFERTA FORMATIVA

(art. 28 del CCNL 26-5-1999)

1. Per la realizzazione delle finalità istituzionali della scuola in regime di autonomia, la risorsa fondamentale è costituita dal patrimonio professionale dei docenti, da valorizzare per la realizzazione e la gestione del piano dell'offerta formativa dell'istituto e per la realizzazione di progetti formativi d'intesa con enti ed istituzioni esterni alla scuola. Le risorse utilizzabili, per le funzioni strumentali, a livello di ciascuna istituzione scolastica, sono quelle complessivamente spettanti, nell'anno scolastico 2002-03, sulla base dell'applicazione dell'art. 37 del CCNI del 31.08.99 e sono annualmente assegnate dal MIUR.

2. Tali funzioni strumentali sono identificate con delibera del collegio dei docenti in coerenza con il piano dell'offerta formativa che, contestualmente, ne definisce criteri di attribuzione, numero e destinatari. Le stesse non possono comportare esoneri totali dall'insegnamento e i relativi compensi sono definiti dalla contrattazione d'istituto.

3. Le scuole invieranno tempestivamente al Direttore generale regionale competente schede informative aggiornate in ordine alla quantità e alla tipologia degli incarichi conferiti, e ciò allo scopo di effettuarne il monitoraggio.

4. Le istituzioni scolastiche possono, nel caso in cui non attivino le funzioni strumentali nell'anno di assegnazione delle relative risorse, utilizzare le stesse nell'anno scolastico successivo, con la stessa finalità.

Queste le funzioni strumentali previste dal nostro P.O.F.:

Gestione Piano Offerta Formativa      

Compiti

 

  • Provvedere alla revisione annuale del POF;
  • Distribuire e raccogliere le griglie per la rilevazione e per la valutazione degli obiettivi educativi e cognitivi trasversali.
  • Predisporre materiale informativo per le famiglie sul P.O.F.
  • Documentarsi e provvedere alla revisione dei materiali per la valutazione del servizio.
  • Tabulare i dati dei questionari sulla qualità del sevizio (insegnanti, alunni, genitori).
  • Ricercare modalità efficaci per la pubblicizzazione e la riflessione sui dati emersi nelle singole scuole.

  

Multimedialità

 Compiti

 

  • Potenziamento dei laboratori: consulenza nella gestione dei finanziamenti ricevuti per l’acquisto di dotazioni informatiche e nell’assegnazione delle risorse ai diversi laboratori.
  • Assistenza tecnica: istallazione di nuovi software e/o hardware, collaudo delle attrezzature acquistate, manutenzione delle dotazioni dei diversi laboratori, risoluzione di piccoli problemi e malfunzionamenti.
  • Assistenza ai docenti: consulenza per problemi relativi all’utilizzo delle macchine o di specifici software; coordinamento e monitoraggio, attraverso la commissione multimedialità, delle attività realizzate nei diversi plessi; coordinamento e gestione delle azioni di formazione o aggiornamento nell’ambito delle TIC; ricerca e diffusione di risorse per la didattica (software didattici, risorse e siti in internet…)

Orientamento

Compiti

Promuovere iniziative volte a:

  • fornire ad alunni e famiglie un panorama delle opportunità di formazione nella scuola superiore e nella formazione professionale;
  • guidare gli alunni nella conoscenza di sé, di ciò che li circonda e nell’attuazione di scelte consapevoli;
  • prevenire l’insuccesso e la dispersione scolastica;
  • fornire strumenti di lettura e analisi del contesto sociale;
  • trasmettere informazioni sulle caratteristiche del territorio;
  • informare sui percorsi scolastici e formativi post - obbligo;
  • aiutare a valutare le proprie risorse in termini di attitudini, interessi, competenze, aspettative;
  • aiutare a comprendere in maniera critica i fattori e i processi che influenzano una scelta.

Continuità

Compiti

Promuovere iniziative volte a garantire all’alunno un iter scolastico educativo-formativo armonioso e graduale attraverso:

  • la predisposizione di percorsi di continuità;
  • l’organizzazione di attività di accoglienza;
  • il raccordo sistematico tra i vari gradi scolastici:
  • azioni di scambio di informazioni e confronto su elementi di tipo metodologico- didattico- comportamentale relativi agli alunni frequentanti le classi ponte.

Educazione alla salute

-       prevenire il disagio e l’insuccesso scolastico.

-        individuare strategie per far superare il disagio.

-       migliorare l’intervento pedagogico / formativo dei docenti.

Educazione ambientale

  • Collaborare con i referentI di plesso per la realizzazione di percorsi - attività all'interno delle singole discipline;
  • Raccogliere le esigenze dei docenti all'interno dei vari ordini di scuola;
  • Diffondere materiali e/o informazioni relativi all’educazione ambientale;
  • Promuovere azioni per favorire la realizzazione di attività/progetti volti a:
  • rafforzare le conoscenze specifiche sui temi del risparmio delle risorse ambientali;
  • proporre e favorire azioni coerenti con l’adozione di comportamenti responsabili;
  • diffondere informazioni e conoscenze sui temi delle risorse ambientali.

Integrazione ed handicap

 

  • Elaborare proposte per l'attuazione del progetto di integrazione degli alunni in situazione di handicap e/o in difficoltà di apprendimento e stranieri;
  • Garantire la circolazione delle informazioni/esperienze;
  • Supportare i colleghi nell'attuazione del progetto di integrazione;
  • Elaborare proposte di coinvolgimento dei genitori nella realizzazione del progetto di integrazione.